.
INTERCOIFFURE MONDIAL Paris
Corporate Social Responsability
World of Hairfashion and Beauty Business

PRODUCTS FOR HAIRDRESSERS AND SHOW - ENCYCLOPEDIC HAIR WEBSITE

news n°
93134
From gossip
28 May 2020
Manuel Mon International Hairstylist

The ocean, a vast expanse of life, multiple in shapes, colours and tones…. rich in volume and texture.

Ph: Bernardo Baragaño
Make-up: De Maria Make up
Stylist: Visori FashionArt
Model: Celia Fernandez

hair-collections

news n°
146612
From beautynews
03 Jun 2020
Meghan Markle sta passando la quarantena a Los Angeles con il marito Harry e il figlio Archie e, nonostante stia il più possibile lontana dai riflettori, negli ultimi giorni è emersa un'indiscrezione che la riguarda. Ha infranto le regole del lockdown ma lo ha fatto per una buona causa, ovvero per aiutare i bisognosi.
news n°
92996
From gossip
27 May 2020

The nominees for HJ’s coveted British Hairdresser of the Year award have been announced - showcasing the wealth of talent and unshakeable passion within British hairdressing

British-Hairdressers-Nominees-2020

This year Adam Reed, Angelo Seminara, Cos Sakkas, Darren Ambrose, Errol Douglas, Eugene Souleiman, Gary Hooker & Michael Young (Hooker & Young), Richard Ashforth, Robert Eaton and Sally Brooks wowed the British hairdressing industry, resulting in their nomination for the coveted title. This top ten received the closest voting cluster ever recorded in the award’s history, resulting in more nominees than ever before.

Nominated by top-tier hairdressers, influencers and UK and international press for their professional reputation, creative vision and their ability to act as an ambassador for British hairdressing, Executive Director of Hairdressers Journal International, Jayne Lewis Orr, said:

“British hairdressing has certainly faced its greatest ever challenge this year. It has been a testing time for us all and I have been so impressed with, but not surprised by, the industry’s continued professionalism, resilience and creativity. The British Hairdresser of the Year title has been the most sought-after for more than three decades. This year especially, it is recognition of the stylists at the forefront of this thriving, talented and professional community. The award not only cements the careers of exceptional hairdressers but consistently raises standards across our industry year-on-year.”

Since its inception in 1985, the title of HJ British Hairdresser of the Year has transformed exceptional stylists into either dynamic household names or meteoric hairdressing careers, previous winners include Trevor Sorbie, John Frieda, Umberto Giannini, Nicky Clarke, Charles Worthington, Antoinette Beenders, Beverley C and Sally Brooks to name a few.

The winner will be announced on Monday 30th November 2020 at JW Marriott Grosvenor House, Park Lane, alongside the winners in six specialist categories and nine regional categories, on the biggest night in the hairdressing calendar.

HJ’s 2020 British Hairdresser of the Year nominees:

  • Adam Reed, session stylist and salon owner, a colourful, skilful character bridging consumer and hairdressing worlds
  • Angelo Seminara, four times winner and one of the most captivating and original hair stylists of our time
  • Cos Sakkas, third time nominee, an artistic talent and a legend within Toni & Guy
  • Darren Ambrose, previous British Hairdresser of the Year winner 2015, a leader within session styling and hairdressing alike
  • Errol Douglas, MBE, honoured by Her Majesty the Queen for services to hairdressing, multiple award winner and hairdressing superstar
  • Eugene Souleiman, no words other than Eugene is a session stylist extraordinaire
  • Gary Hooker and Michael Young, (Hooker & Young) 12th consecutive nomination of British Hairdressers of the Year and hairdressing’s most famous duo, stage-stars, creative inspiration and talented educators
  • Richard Ashforth, first time nomination, well renowned in the hairdressing industry for his directional, forward thinking ideas, his belief in simplicity and commitment to beauty
  • Rob Eaton, current British Hairdresser of the Year 2019 andone of the most current and renowned colourists of the moment
  • Sally Brooks, two times winner ofBritish Hairdresser of the Year (2017 & 2018), Sally is a global stage and creative star, renowned hairdresser and a national hero following her hairdressing documentary that is reaching educationalists and parents across the UK.
Rob Eaton Winner 2019
Rob Eaton - British Hairdressers Award Winner 2019

news n°
93002
From gossip
27 May 2020
Royston Blythe at Royston Blythe International Hairstylist

Find put the latest hair collection, called “Boys”, made by “ Royston Blythe at Royston Blythe ” international hairstylist from UK.

Ph: Richard Miles
Stylist: Nick Malenko
Colour: Anthony Osborne

hair-collections

news n°
93205
From gossip
04 Jun 2020

Orari Flessibili per la FASE 2 per Parrucchieri, Estetiste e Tatuatori

Aperti 7 giorni su 7

I negozi ed i saloni di acconciatura ed i centri estetici potranno tenere aperto tutta la settimana, a orario continuato dalle 7 del mattino alle 22 di sera. Ogni attività di questo settore potrà quindi gestire le aperture come preferisce, fino a un massimo di 14 ore al giorno.

Lo hanno chiesto i titolari delle licenze legate al benessere e alla cura della persona, negozi che dalla riapertura hanno registrato dei boom di richieste, ma possono accogliere solo pochi clienti alla volta per via delle restrizioni di sicurezza imposte in vigore.

Fonte | Il Giorno | Milano

Mockup psd created by rawpixel.com - www.freepik.com

news n°
146609
From beautynews
03 Jun 2020
"I’ve realised if I’m going to be renting for the long-term, my priorities have changed."
news n°
146611
From beautynews
03 Jun 2020
Per due anni consecutivi Kylie Jenner si è aggiudicata il primo posto nella classifica di Forbes dedicata ai miliardari self-made più giovani del mondo ma oggi è emersa una verità "scomoda". L'influencer avrebbe mentito sul suo patrimonio, mostrandosi più ricca di quanto è.
news n°
93190
From gossip
03 Jun 2020

Find put the latest hair collection, made by “Angelo di Pasca #saccuccimasterclass” international hairstylist from IT

Ph: Kobeyuyen
MaKe-up: SophiaChau
Model: Ingred Wagner

hair-collections

news n°
146622
From beautynews
04 Jun 2020

Il 19 aprile 1989 una donna che faceva jogging a Central Park a New York venne aggredita e lasciata in fin di vita nel parco. Quella notte, 5 ragazzini di Harlem (4 afroamericani e un ispanico) furono arrestati per il crimine e, dopo due processi, condannati ingiustamente. È questa la vicenda narrata nella miniserie When They See Us in cui Ava DuVernay racconta con fermezza gli eventi ed esamina il tema dell’ingiustizia razziale come aveva già fatto con 13th, il suo documentario sull’incarcerazione di massa del 2016 candidato agli Oscar. 

Una volta arrestati, i cinque giovani, Kevin Richardson, Antron McCray, Yusef Salaam, Korey Wise e Raymond Santana, vennero  interrogati separatamente, costretti a confessare e poi processati in due gruppi. Quattro di loro furono ritenuti colpevoli dello stupro e condannati al massimo della pena consentito per i minori. Uno, Korey Wise, che all'epoca del crimine aveva 16 anni, venne detenuto in strutture per adulti .

Nel 2002, grazie alla confessione del vero assalitore, Matias Reyes, e alle prove del DNA, le condanne dei cinque ragazzi, ormai uomini, sono state annullate e lo stato ha ritirato tutte le accuse.

Dopo appena un mese dall’uscita, la miniserie ha provocato importanti cambiamenti: dopo le proteste che si sono riaccese, le due pm che si occuparono del caso, Linda Fairstein ed Elizabeth Lederer, si sono dimesse dai loro incarichi rispettivamente al Vassar College e alla Columbia Law School.

https://twitter.com/netflix/status/1138900711708667904

news n°
93167
From gossip
28 May 2020
Chad Demchuk  International Hairstylist

In creating his Eccentric Glamour Collection, Chad Demchuk’s creativity was driven by the many facets of fashion and beauty of London through the decades.

Ph: John Rawson
Make-Up: Lan Grealis

hair-collections

news n°
146614
From beautynews
03 Jun 2020
Elettra Lamborghini si è rimessa a lavoro dopo la quarantena ed è più in forma che mai. Ha lasciato i fan senza parole con la sua sensualità, indossando una tuta glitterata con una maxi scollatura davvero audace. Il dettaglio che lei stessa ha fatto notare? Ha un brufolo sul mento ma, nonostante ciò, si sente bellissima.
news n°
93079
From gossip
28 May 2020

Cutting hair is the staple of every stylist’s working week!

hob academy

How many cutting techniques do you use?
According to four-times British Hairdresser of the Year, Akin Konizi from HOB Salons, there are five main methods every hairdresser should know
. “Using the right cutting techniques can add movement and dimension to a hairstyle. Once you know the right techniques to use, you can create any shape or texture. It’s about using the right techniques to help you develop your cutting skills.”

The five cutting methods every hairdresser should know.

1 Layering
The most important technique but often the most underestimated. Good layering helps you create the material for all your shapes. You can use it for every shape, texture and hair type.

2 Graduation
Graduation is used to build up weight, with geometric lines either with or without tension and will form the outline of any shape you create.

3 Reverse Graduation
This is the best kept secret in hairdressing! It’s the opposite of each section getting shorter; each section is getting longer. It was used a lot in the 80s to create hard, strong geometry. The modern version is to use it on one-length styles. Use it on one-length styles to combat graduation.

4 Texturising
Texturising isn’t taken seriously enough. It’s about cutting shorter lengths into your longer lengths to create an internal shape in your haircut that will work as a structure to your styles. Sometimes it will give a softening effect, or it can be used to thin out the hair. Texturising offers a whole world of possibilities and potentials by manipulating weight.

5 Precision Cutting
Precision cutting is not just for geometry. It’s how I do all my cuts, it’s about doing your work precisely; if it’s a messy haircut, you still cut it with precision. If you want to create texture or choppiness, you still use precision.

hair-collections

news n°
93049
From gossip
27 May 2020
Jose Urrutia  International Hairstylist

Daring, adventurous, confident, the characteristics of the youth who make their way through the city at night. Taking in all that the city has to offer, these guys are game for anything. Short, thickly cropped hair, with differing frontal effects are the features of this collection.

Ph: Jose Urrutia
Make-up: Peluquería Jose Urrutia
Stylist: Peluquería Jose Urrutia

hair-collections

news n°
146623
From beautynews
04 Jun 2020

La morte scioccante dell'afroamericano 46enne George Floyd a Minneapolis il 25 maggio ha scatenato proteste in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, le persone chiedono la fine della brutalità della polizia dopo che il video in cui il poliziotto bianco Derek Chauvin preme con il ginocchio sul collo di Floyd che dice: "Non riesco a respirare", è diventato virale. 

Il 2 giugno l'industria musicale ha chiesto un giorno di silenzio per Floyd, per le innumerevoli altre vittime della brutalità della polizia e dell'ingiustizia razziale e per il movimento Black Lives Matter. Migliaia di persone hanno aderito silenziosamente alla protesta pubblicando un quadrato nero sui social media per celebrare il #BlackoutTueday in un'iniziativa di solidarietà globale.

Organizzato da diverse etichette musicali - tra cui Warner Music Group, Sony / ATV, Universal Music, Motown, Capitol Records, l'etichetta britannica Dirty Hit, Shady Records di Eminem  - con l'hashtag #TheShowMustBePaused, il BlackoutTuesday ha visto la partecipazione artisti come Ariana Grande e Rihanna. Inoltre, Spotify ha aggiunto otto minuti e 46 secondi di silenzio ad alcune playlist e podcast selezionati in omaggio a Floyd.

In questi giorni, Rihanna ha parlato dei suoi sentimenti sulle proteste in corso in tutto il mondo: "Negli ultimi giorni, devastazione, rabbia, tristezza che ho provato sono state travolgenti ", ha scritto su Instagram. Beyoncé ha anche invitato i suoi fan a firmare una petizione per chiedere giustizia per Floyd. "Siamo stati tutti testimoni del suo omicidio in pieno giorno ... Siamo a pezzi e disgustati ", ha detto in un video che ha pubblicato su Instagram.

news n°
93078
From gossip
28 May 2020

Ricrea a casa il look di Saccucci's Masterclass, Salone di Roma eletto tra i TOP HAIRSTYLISTS 2020, grazie alla nuova piastra a vapore STEAMPOD 3.0

saccucci masterclass

Red color By Marco Saccucci / Hair Angelodipasca

100% liscio o ondulato
in poco tempo
e senza danneggiare la fibra del capello,
grazie a Steampod 3.0 

Ricrea a casa
il look di Saccucci's Masterclass
grazie alla nuova piastra a vapore
di L’Oréal Professionnel #steampod

news n°
92983
From gossip
27 May 2020
Mirko Cheyenne International Hairstylist
Mirko Cheyenne International Hairstylist

Find put the latest hair collection, called “Elfie”, made by “ Mirko Cheyenne ” international hairstylist from IT.

Ph: Matteo Genovese
Make-up: Mirko Cheyenne
Stylist: Mirko Cheyenne

hair-collections

news n°
93216
From gossip
04 Jun 2020


TAKARA BELMONT e la ZERO BIO.QUANTIC SPA EXPERIENCE invitano tutti i professionisti a vivere una grande e straordinaria avventura:

"ZERO BIO.QUANTIC ROOM EXPERIENCE"

TAKARA BELMONT e la ZERO BIO.QUANTIC SPA presentano ZERO BIO.QUANTIC ROOM EXPERIENCE
Clicca per vedere il VIDEO

DEDICATO a tutti gli INNAMORATI DEL PROPRIO MESTIERE al punto da non smettere mai di pensare di poterlo fare sempre meglio.

DEDICATO ai PROFESSIONISTI della bellezza e del benessere della persona, agli esperti in trattamenti per la cura e il piacere estetico di cute e capelli.

news n°
93041
From gossip
27 May 2020

Solemar una nuova linea di solari INEBRYA 100% Vegan con tecnologia Color Protection

SOLEMAR, formulata con Filtro Solare (UV) e estratto di Agave, è composta da tre must have, presentando una gamma compatta ma completa:

  • Sun Protection Spray è lo spray condizionante protettivo senza risciacquo, che preserva il colore cosmetico senza appesantire, assicurando la massima protezione durante l’esposizione solare. grazie alla tecnologia COLOR PROTECTION, funziona come un vero e proprio scudo contro gli agenti esterni, dando la massima efficacia contro lo sbiadimento del colore.
  • After Sun Shampoo dalla fragranza marina, grazie alla sua formula extra delicata, è adatto a tutti i tipi di capelli e può essere usato anche sul corpo.
  • After Sun Mask caratterizzata da intense note iodate, la maschera restituisce corposità, lucentezza e morbidezza al capello senza appesantire.

La linea è 100% Vegan, una caratteristica che accompagna tutti gli ultimi lanci di trattamenti di Inebrya.

Per maggiori informazioni info@globelife.com

Background vector created by vectorpouch - www.freepik.com

news n°
146617
From beautynews
04 Jun 2020

Scarpe vegan: l'interesse per una moda sostenibile ed etica è sempre più diffuso e passa anche attraverso la scelta di calzature cruelty free e prive di componenti animali. 

Come riconoscere le scarpe vegan? Il primo passo è leggere bene l'etichetta, dove devono essere indicati per legge i componenti. Il simbolo della pelle presente dimostra che la scarpa non è vegana. Dal momento che la legge non obbliga a dichiarare tutti i componenti, è meglio controllare con attenzione i dettagli come i lacci e la soletta interna: per elementi come la colla utilizzata, invece, è impossibile scoprire visivamente se vi sono elementi di provenienza animale: ecco perché la certezza di acquistare una scarpa vegana è possibile solo scegliendo una calzatura certificata.

Ecco quattro brand vegani da non perdere: dalla sneakers alla scarpa di lusso

Rombaut

Mats Rombaut è un designer belga che dal 2012 firma scarpe vegane e dalla ricerca estrema di materiali innovativi ricavati dall'utilizzo di rocce, corteccia d'albero, gomme naturali, cellulosa e fibre del cocco. Tutti i componenti usati nella lavorazione, poi, non contengono elementi tossici per l'ambiente o derivati da animali. Il brand è amatissimo da star come Bella Hadid.

Veja

Tra le sneakers più amate, vi sono Veja celebre (anche) per le collaborazioni come quella con Rick Owens che ha chiesto al brand francese creato nel 2005 da François-Ghislain Morillon e Sèbastien Kopp di creare scarpe vegane con olio di banana, canna da zucchero, buccia di riso.

Yatay

Il brand pubblicato sul numero di Febbraio 2019 Yatay è stato fondato da Umberto De Marco, CEO dell'azienda di famiglia Coronet che da oltre 50 anni lavora materiali alternativi alla pelle animale

PĪFERI

Saranno lanciate in esclusiva il prossimo novembre da Harrods le nuove calzature di lusso PĪFERI, firmate da Alfredo Piferi, che si dedica a un progetto personale dopo importanti collaborazioni da Jimmy Choo e Burberry. I materiali sono riciclati e la pelle vegana: l'obiettivo del brand Made in Italy è diventare 100% sostenibile.

news n°
146608
From beautynews
03 Jun 2020
La regina Elisabetta II è tornata a mostrarsi in pubblico dopo essere rimasta tra le mura del castello di Windsor per oltre due mesi. Nelle ultime ore si è lasciata immortalare mentre va a cavallo con indosso degli inediti pantaloni e un foulard tra i capelli.
news n°
146615
From beautynews
news n°
93118
From gossip
28 May 2020
ALBERTO MANCHADO - IONE ERICE - ALICIA NAVARRO International Hairstylist

Find put the latest hair collection, called “19.1”, made by “ ALBERTO MANCHADO - IONE ERICE ” international hairstylist from ES

Ph: DAVID MUÑIZ
Make-up: ALICIA NAJERA - SARAI IMIZCOZ

hair-collections

news n°
146625
From beautynews
04 Jun 2020

Gli Stati Uniti stanno vivendo uno dei momenti tra i più drammatici della loro storia. Dopo l'ondata del covid-19 che ha letteralmente falciato il paese, ora gli States si trovano nel mezzo di una vera e propria rivolta che, partita dallo straziante omicidio di George Floyd a opera della polizia di Minneapolis, si sta rapidamente diffondendo in tutta la Confederazione (con reazioni in tutto il mondo) aumentando in maniera esponenziale anche il livello di scontro tra le forze di polizia e la popolazione civile.

Ma come è stato possibile arrivare a questo punto?

Per capire cosa sta accadendo oggi, bisogna fare un lungo passo indietro. Lungo almeno quanto le gambe di Colin Kaepernick, il quarterback che, nel 2016, decise di rimanere inginocchiato durante l'Inno Americano per protestare contro l'oppressione delle minoranze all'interno degli States.

George Floyd: proteste in tutto il mondo
MinneapolisNurPhoto
LondraGuy Smallman
LondraDan Kitwood
LondraDan Kitwood
LondraGuy Smallman
DublinoNiall Carson - PA Images
DublinoNiall Carson - PA Images
BostonBoston Globe
BostonBoston Globe
BostonBoston Globe
BostonBoston Globe
AucklandMICHAEL BRADLEY
AucklandMICHAEL BRADLEY
AucklandMICHAEL BRADLEY
CincinnatiNurPhoto

Il gesto, che di fatto denunciava in maniera simbolica, non violenta eppure evidente il razzismo ancora presente nella società americana,  costò il posto a Kaepernick nella sua squadra e l'ostracismo da tutte le squadre della NLF (National Ligue Football). Chiaramente la protesta di Kaepernick non è ciò da cui gli scontri sono partiti ma è un puntino rosso, nella storia degli States, da cui forse conviene partire per non dover risalire troppo indietro nel tempo, come minimo fino al 1970, anno in cui il Segregazionismo fu abolito negli USA (esattamente 50 anni fa, non secoli addietro).

Da quel puntino rosso tracciamo una linea che ci porta, attraverso gli ultimi 4 anni e attraverso un contesto di crescente e strisciante razzismo, xenofobia e misoginia alimentata dalla retorica politica (contro i messicani, contro i cinesi e ovviamente contro le minoranze tout-court che non rispondono al fenotipo “maschio bianco eterossessuale medioborghese”), fino allo scoccare dell'ora X, ovvero l'arrivo del Covid-19 all'interno dei confini del Continente americano. Il virus, lasciato libero di circolare dalla narrazione muscolare di parte della politica, ha colpito su due fronti: quello sanitario e quello economico. Entrambi i fronti hanno visto le fasce più deboli della popolazione, tra cui una percentuale rilevante della popolazione afroamericana, subire le conseguenze più dure. Secondo le stime risalenti ad aprile, ad esempio, a Chicago il 72% delle vittime per il covid-19 appartenevano alla comunità afroamericana. Un numero che, probabilmente, è andato a crescere dato il sistema sanitario statunitense in cui l'accesso alle cure è distribuito in base al reddito.

New York, 1 Giugno 2020 (Photo by Spencer Platt/Getty Images)
Protests Against Police Brutality Over Death Of George Floyd Continue In NYC
New York, 1 Giugno 2020 (Photo by Spencer Platt/Getty Images)
Spencer Platt

Con il crescere del virus, in maniera simile all'Europa, si è visto anche il crescere drammatico delle domande di sussidio di disoccupazione (vero "termometro" dell'economia statunitense e indice che fa oscillare pesantemente Wall Street). Meno aziende aperte, meno lavoro, meno lavoro, più disoccupati che, inutile dirlo, si sono concentrati in alcuni specifici gruppi sociali. A maggio 2020 la disoccupazione era così ripartita: il 18.9% di ispanici, il 16,7% di aframericani, il 14,5% di asiatici e il 14,2% di bianchi (le donne, neanche a dirlo, sono tra le più colpite con il 15,5% di disoccupate).

Questa immensa polveriera di profonda instabilità è stata infine innescata, il 25 maggio di quest'anno, dall'omicidio di George Floyd. Questi i fatti: nella notte del 25 maggio, il 46enne Floyd esce di casa per comprare le sigarette e le paga con una banconota da 20 dollari falsa. Il negoziante, accortosi del fatto, chiama il 911 e velocemente una pattuglia della polizia di Minneapolis ferma Floyd: anziché accertarsi dell'eventuale estraneità ai fatti (attualmente non è chiaro se l'uomo fosse al corrente del detenere denaro falso) lo immobilizza per 8 lunghissimi minuti, comprimendogli con un ginocchio petto e collo e inducendone il soffocamento nonostante le ripetute suppliche dell'uomo.

St Paul, Minnesota, 1 giugno 2020 (Photo by Scott Olson/Getty Images)
Protests Continue In St. Paul Over Death Of George Floyd
St Paul, Minnesota, 1 giugno 2020 (Photo by Scott Olson/Getty Images)
Scott Olson

"I can't breathe", la frase più volte ripetuta dall'afroamericano agonizzante, è diventata simbolo della rivolta ma anche simbolo di un'America che non ha pietà per chi vive una vita senza "riuscire a respirare" ma, anzi, continua imperterrita nella sua oppressione. Ed è stato solo ai social network e ai video fatti dai presenti, minacciati dal collega del poliziotto che immobilizzava l'uomo, che una delle tante "vittime collaterali" del rapporto tra polizia e comunità afroamericana (si stima che una delle principali cause di morte tra i giovani afroamericani siano gli scontri a fuoco con le forze di polizia), è diventata cronaca che si è diffusa in tutto il mondo e soprattutto che ha dato il via alle proteste. Proteste che, come abbiamo raccontato, non sono per la morte di Floyd ma per una  situazione ormai ampiamente sotto controllo che a questo punto sembra che lo stesso Presidente Trump non sia in grado di gestire.

Minneapolis, 1 giugno 2020 (Photo by Scott Olson/Getty Images)
Protests Continue Over Death Of George Floyd, Killed In Police Custody In Minneapolis
Minneapolis, 1 giugno 2020 (Photo by Scott Olson/Getty Images)
Scott Olson

L'ultimo atto della gestione dell'ormai drammatica situazione è stato quello di posare, con la Bibbia in mano e l'espressione truce, di fronte alla chiesa Episcopale di Washington, tuonando in un discorso alla Nazione e autodefinendosi un "Presidente Law And Order" e minacciando l'intervento dell'esercito. Un'immagine potente nella sua brutalità che ha fatto il paio con le riprese della polizia che sgombrava la strada (poi percorsa da Trump) sparando lacrimogeni ad alzo zero.  Un costante soffiare sul fuoco che, chiaramente, rischia di aggravare una situazione già insostenibile.

Solitamente si dice che un conflitto renda quasi certa la rielezione del Presidente in carica: non vorremmo che Trump abbia deciso di seguire alla lettera questa regola scatenando una guerra civile. 

news n°
93061
From gossip
27 May 2020
Juan Ayoso  International Hairstylist

Find put the latest hair collection, called “Energy”, made by “ Juan Ayoso ” international hairstylist from ES

Ph: Click and Garoy
Make-Up: Juanayoso
Stylist: Elena Garrido Fernandez

hair-collections

news n°
92947
From gossip
25 May 2020

Il nuovo appuntamento con INTERNATIONAL VISIONARY AWARD si terrà l'11 Ottobre 2020

international visionary award 2020

INTERNATIONAL VISIONARY AWARD
Data fissata dello spettacolo/show per Sabato 11 OTTOBRE 2020.
Aperte le candidature per iscriversi all'emozionante incontro
di Londra (UK).
Quest'anno le ISCRIZIONI chiuderanno il 31 LUGLIO 2020, il modulo è scaricabile direttamente dal sito ufficiale.

ECCO IL LINK per scaricare il modulo e ISCRIVERSI:

https://www.alternativehair.org/

news n°
146626
From beautynews
04 Jun 2020

Il 25 maggio George Floyd, 46 anni, un uomo di colore disarmato, è morto dopo che Derek Chauvin, un ufficiale di polizia bianco di Minneapolis, lo ha bloccato a terra tenendo premuto il ginocchio sul suo collo per otto minuti. In un video, si sente Floyd mentre dice agli agenti di polizia: "Per favore, non riesco a respirare".

La sua morte ha suscitato indignazione internazionale e manifestazioni di massa; da allora decine di migliaia di persone hanno protestato in nome di Floyd e di altri neri americani, tra cui Breonna Taylor, Michael Lorenzo Dean e Tony McDade, tutti morti per mano della polizia negli ultimi mesi. Secondo il database del Washington Post, 1.254 neri sono stati colpiti con armi da fuoco e uccisi dalla polizia dal 1 ° gennaio 2015.

Mentre le proteste per combattere il razzismo continuano a svolgersi in tutto il mondo - compresi Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Danimarca, Germania, Canada e Nuova Zelanda - ecco quattro modi per aiutare e sostenere la lotta contro le discriminazioni.

1. Contribuire a raccogliere fondi  
Proteste a Minneapolis
Protests Continue Over Death Of George Floyd, Killed In Police Custody In Minneapolis
Proteste a Minneapolis
Photography Getty Images

Si può donare direttamente al George Floyd Memorial Fund per aiutare la famiglia di Floyd, nonché alle organizzazioni sul campo nel Minnesota, come il Minnesota Freedom Fund (che aiuta a pagare le cauzioni), Black Visions Collective (in sostegno di comunità nere autonome e sicure) e Reclaim The Block  (che lavora per trasferire denaro dal dipartimento di polizia ad altre aree del bilancio della città).

In alternativa, si possono fare donazioni a Black Lives Matter  (un'organizzazione globale che lavora negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada per sradicare il razzismo) e  Campaign Zero  (un gruppo che lavora per porre fine alla violenza della polizia). Ci sono poi vari fondi che aiutano centinaia di manifestanti che sono stati arrestati negli Stati Uniti.

2. Firmare petizioni per avere giustizia 
Proteste a San Jose, Stati Uniti
San Jose George Floyd Protests
Proteste a San Jose, Stati Uniti
Photography Getty Images

Sono state istituite petizioni per chiedere giustizia per  George Floyd e per altre persone di colore uccise negli ultimi mesi, tra cui anche Breonna Taylor, una donna di 26 anni uccisa dalla polizia durante un'irruzione nel suo appartamento a marzo, in Kentucky; Tony McDade, un transgender di 38 anni ucciso con un colpo di pistola dalla polizia in Florida a maggio; e  Michael Lorenzo Dean, un 28enne ammazzato dalla polizia in Texas nel dicembre 2019. È possibile anche firmare una petizione per chiedere giustizia per il 25enne Ahmaud Arbery, che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre faceva jogging in Georgia in febbraio.

Black Lives Matter ha inoltre lanciato una campagna per chiedere di togliere i fondi alla polizia negli Stati Uniti e girare gli investimenti sulle comunità nere.

3. Informarsi
Murales in onore di George Floyd a Minneapolis
US-POLITICS-POLICE-JUSTICE-RACISM
Murales in onore di George Floyd a Minneapolis
Photography Getty Images

Non è compito dei neri educare i bianchi al razzismo. Si possono leggere libri antirazzisti, come Me and White Supremacy di Layla Saad; How to Be an Antiracist di Ibram X Kendi; Why I’m No Longer Talking to White People About Race di Reni Eddo-Lodge;  La libertà è una lotta costante di Angela Davis.  Si possono poi ascoltare i podcast tra cui Intersectionality Matters di Kimberlé Crenshaw, Kid Fury e The Read di Crissle West e il progetto 1619 del New York Times. E seguire gli attivisti neri sui social media tra cui  Rachel Cargle, fondatrice di The Great Unlearn,  Rachel Cargle e la modella trans nera Munroe Bergdorf

4. Parlare e continuare a impegnarsi

Altrettanto importante è assicurarsi di usare la propria voce per condannare il razzismo, sia sui social media, sia sul posto di lavoro o con amici e familiari. Anche quando #BlackLivesMatter non fa tendenza sui social media.

news n°
146620
From beautynews
04 Jun 2020
Non è ancora in vendita, ma già si candida a diventare un pezzo da collezione: è l'edizione limitata dedicata a una gara che non si è disputata
news n°
92974
From gossip
27 May 2020
Francesco Arancio International Hairstylist

Find put the latest hair collection, called “Sicily”, made by “ Francesco Arancio ” international hairstylist from UK.

Hair: Francesco Arancio
Collection: Sicily

hair-collections

news n°
146621
From beautynews
04 Jun 2020
L'attore, protagonista della fortunata serie tv Persone normali tratta dal romanzo di Sally Rooney, dimostra che la nuova frontiera della moda è scoprire la parte alta della coscia
news n°
92941
From gossip
25 May 2020

IMAGINE : sarà il nuovo tema per lo show dell'ALTERNATIVE HAIR SHOW di LONDRA

alternative hair show 2020

ALTERNATIVE HAIR SHOW 2020 annuncia la data di quest'anno:
lo spettacolo "IMAGINE" avrà luogo Sabato 11 Ottobre 2020 !

Presto avremo nuovi dettagli sul NUOVO SHOW.
Anche quest'anno l'intento è di raggiungere nuovi record per la raccolta fondi riguardo l'Alternative Hair Charitable foundation "Fighting leukaemia".

news n°
146613
From beautynews
03 Jun 2020
Elisabetta II (sempre) in sella

Erano in molti a dirsi scettici sulla notizia che, a Windsor, durante la quarantena, la regina Elisabetta andasse a cavallo quasi tutti i giorni. Per fare piazza pulita di dubbi e malelingue, la sovrana ha dato disposizione di pubblicare sull'account Instagram della royal family britannica nuove foto che la ritraggono in sella a Fern, un pony di 14 anni (l'altra sua cavalcatura si chiama Emma, ed è anche lei un pony) . 

La regina a Windsor
La regina a Windsor

Le immagini mostrano una regina in buona salute e di buon umore, con jodhpurs, un blazer verde e un foulard rosa mentre cavalcava Fern su un grande prato perfettamente curato (le foto sono state naturalmente scattate da un'adeguata distanza sociale dal fotografo nel parco di Windsor)

Come abbiamo raccontato qui, accanto all'amore per i corgi quella per i cavalli è un'altra grande passione di Elisabetta. Adesso che è libera dagli impegni ufficiali può di nuovo dedicarvisi, con le cautele del caso. Dall'inizio della quarantena, la regina vive a Windsor con il marito Filippo e 24 membri dello staff, divisi in due squadre da 12 che lavorano alternandosi e osservando tre settimane di quarantena per minimizzare ogni rischio di contagio da coronavirus.

Regina Elisabetta: il suo amore per i cavalli in 16 foto
Nel 1939, al Richmond Horse ShowUniversal History Archive
Nel 1940, a WindsorLisa Sheridan
Nel 1944, a WindsorLisa Sheridan
Nel 1947, alla parata Trooping The ColourReg Speller
A Londra, negli anni 50Bettmann
Ad Ascot, nel 1968Evening Standard
Nel 1965, durante una visita in EtiopiaTerry Fincher
Nel 1980, a WindsorSerge Lemoine
Nel 1995, a Epsom, nel SurreyTim Graham
Nel 2001, Trooping The ColourTim Graham
Nel 2007, a WindsorChris Jackson
Nel 2014, a WindsorMax Mumby/Indigo
Nel 2017, ad Hyde Park, LondraMax Mumby/Indigo
Nel 2018, con il pony CruachanWPA Pool
Nel 2018, con CruachanMax Mumby/Indigo

(Immagini Instagram @theroyalfamily)

La regina negli anni 50
La regina negli anni 50
news n°
93155
From gossip
28 May 2020
Bernat Sayol  International Hairstylist

This collection is a journey through the life cycle of a woman. Each image represents a stage, from childhood to maturity. With very versatile cuts, loaded with technique and precision, the collection’s creator highlights the illusion of childhood, the rebelliousness of adolescence, the sobriety of maturity and the calmness of old age.

Ph: Esteban Roca
Make-up: Nacho Sanz
Stylist: Salones CV

hair-collections

news n°
92961
From gossip
26 May 2020

Hairdressers around the world and all with a passion for hair are invited to join in a special streamed produced by Australia’s Sharon Blain Education and Box Hill Institute

Virtual Hair Experience: Journey to the Top, a three-hour online
hairdressing extravaganza, will be released online
on Monday 8 June from 11am to 2pm
Australian Eastern Standard Time or by streaming from 6pm.

It will feature international, Australian and New Zealand industry luminaries telling inspiring stories about their path to the top of the hairdressing field and edge-of-fashion, creative hairstyling.  Its purpose is to inspire young people to join or stay in the industry and give their salon owners examples to be used as encouragement.

Sharing their journey to the top will be these stars of hairdressing:

  • Mark Hayes, International Creative Director, Sassoon
  • Tabatha Coffey, international business woman, tv celebrity, designer and educator
  • Errol Douglas MBE, One of the world’s most respected hairdressers
  • Dee Parker Attwood, 2019 Hair Expo Australian Hairdresser of the Year
  • Sharon Blain, international educator
  • Kobi Bokshish, Intershape
  • Steve Corthine, Stevie English Hair
  • Hermiz Daniel, Joey Scandizzo Salon
  • Danny Pato, 2019 Hair Expo New Zealand Hairdresser of the Year
  • Joey Scandizzo, Joey Scandizzo Salon
  • Jules and Bennie Tognini, Lil Off The Top, Tognini’s
  • Emiliano and Lisa Vitale, é Salon                 
  • Jayne Wild and Gary Latham, Wild Life Hair                                  
  • Renya Xydis, editorial hairstylist, Valonz
  • Host: Hair Expo favourite and US-Australian TV celebrity, Richard Reid
Location Live Broadcast Time on Monday 8 June or as otherwise marked Streaming commencement time on Monday 8 June:
Australia – Eastern 11am 6pm
Western Australia 9am 4pm
New Zealand 1pm 8pm
United Kingdom 2.30am 9am
Amsterdam 3am 10am
Chicago 8pm Sunday 7 June 3am
Copenhagen 3am 10am
Dubai 5am 12 noon
Estonia 4am 11am
Frankfurt 3am 10am
Jakarta 8am 3pm
Hong Kong 9am 4pm
Lima 8pm 3am
Lisbon 2am 9am
Ljubljana 3am 10am
Los Angeles 6pm Sunday 7 June 1am
Malaysia 9am 4pm
Moscow 5am 12 noon
Mumbai 6.30am 1:30pm
New Delhi 6.30am 1:30pm
New York 9pm Sunday 7 June 4am
Oslo 3am 10am
Paris 3am 10am
San Francisco 6pm Sunday 7 June 1am
Singapore 9am 4pm
Warsaw 3am 10am
Vancouver 6pm Sunday 7 June 1am
South Africa 3am 10am
Barcelona 3am 10am
Stockholm 3am 10am
Taipei 9am 4pm


For more information CLICK HERE

news n°
146618
From beautynews
04 Jun 2020

Esistono due varianti di Vitamina D una presente negli alimenti di origine animale e vegetale, e una sintetizzata dalla pelle con l’esposizione al sole

Gran parte del fabbisogno giornaliero di vitamina D è garantito dall’esposizione ai raggi solari. Bastano pochi minuti per permette al nostro corpo di immagazzinarne una buona quantità. Questo tipo di vitamina sostiene le difese immunitarie e mineralizza denti e ossa. Non solo: equilibra i livelli di calcio nel sangue, contribuendo al mantenimento della normale funzionalità muscolare. Fare il pieno di questa vitamina è fondamentale per controbilanciare la poca produzione da parte del nostro organismo, nei periodi di insufficiente esposizione al sole. Insomma, una scorta necessaria per il periodo invernale. Per far fronte a questo, possiamo integrare la nostra dieta con alimenti ricchi di vitamina D che, per preservarne meglio tutti i nutrienti, sarebbe meglio consumare crudi o cotti al vapore.

Autentica miniera di vitamina D sono i pesci: sardine, salmone, tonno e sgombro. Ricchi di omega 3, benefici per la salute del cuore e per il sistema nervoso. Per un miglior assorbimento è preferibile alternare le varietà di pesce. 

Altra preziosa fonte sono le uova, più precisamente il tuorlo: un incredibile cocktail di vitamine, inclusa quella “D”. Importante consumare uova provenienti da galline allevate all’aria aperta in quanto ne contengono ben più alti livelli. 

Cereali, latticini, verdure a foglia larga, broccoli e cavoli: seppur presente in piccole quantità sono alimenti che possono dare un buon contributo all’apporto giornaliero. 

In vista dell'estate un ottimo modo per fare il pieno di vitamina D è godere dell’aria aperta e dei raggi del sole preparando ricette facili ideali per un pic nic, pranzi e aperitivi in giardino o terrazzo. Qui ne trovate 4. 

Dall'altro a sinistra in senso orario: crostini croccanti; spiedini di mela verde, feta e cetriolo; Mini Quiches e polpette. Ricette e foto di Giorgia Dessì
Dall'altro a sinistra in senso orario: crostini croccanti; spiedini di mela verde, feta e cetriolo; Mini Quiches e polpette. Ricette e foto di Giorgia Dessì
Polpette di tonno e zucchine 

Per gli amanti della praticità del tonno in scatola o in vetro è importante dirvi che la vitamina D non si disperde durante il processo di lavorazione. Questa ricetta prevede appunto l’uso del tonno conservato nei vasetti in vetro.

Saltate in padella con un filo d’olio due zucchine tagliate a cubetti. Una volta cotte mettete in un contenitore le zucchine, il tonno, un uovo e una spolverata di grana. Condite con olio, sale, pepe e frullate. Quando il composto sarà privo di grumi, aggiungete il pan grattato tanto da far diventare il composto compatto e iniziate a fare le polpette. Impanate ogni polpetta nel pan grattato e adagiatele su una teglia ricoperta di carta da forno. Infornate a 200° per 20 minuti circa. 

Le polpette si presentano croccanti all’esterno e morbide all’interno. Possono essere servite tiepide ma anche a temperatura ambiente. 

Mini quiches con ciliegini e acciughe

Una combinazione perfetta di vitamina D: uova e acciughe. 

Preparare un composto di uova, parmigiano e latte. Come base delle mini quiches usate la pasta brisée. Tagliatela e posizionatela all’interno di piccoli stampini circolari in alluminio monouso. Fatela aderire per bene e versate su ogni stampino il composto preparato precedentemente. Aggiungete i pomodori ciliegini tagliati in quattro parti e un filetto di acciuga. Infornate a 180° per 30 minuti circa e le vostre mini quiches saranno pronte per essere servite. 

Crostini con salsa di broccoli, salmone e pistacchi croccanti 

Sono crostini che vanno super d’accordo con il nostro cuore. Prevengono e migliorano la sua salute. Per preparare la salsa cuocete al vapore i broccoli e una volta raffreddati, frullateli aggiungendo un’emulsione di olio e succo di limone. 

Tagliate e tostate il pane rigorosamente ai cereali. Preparate dunque i crostini: pane croccante, salsa di broccoli, salmone affumicato e pistacchi croccanti. 

Spiedini di mela verde, feta e cetriolo 

Sebbene i latticini non siano gli alimenti più ricchi di vitamina D, non devono mancare.

Pulite e tagliate la mela verde a cubetti e aggiungente qualche goccia di succo di limone. Allo stesso modo pulite il cetriolo, tagliatelo a cubetti e iniziate a comporre lo spiedino: mela verde, feta e cetriolo. È un finger food fresco e sfizioso!

Le ricette e le immagini di questo articolo sono state realizzate da Giorgia Dessì. Per altri consigli e idee seguite la sua pagina Instagram @unoscattoatavola

news n°
146619
From beautynews
04 Jun 2020

Dall’Austria alla Central Saint Martins, René Scheibenbauer proietta nella collezione autunno inverno 2020 2021 un viaggio al limite del misticismo, un pensiero astratto che prende spunto da fonti intellettuali e artistiche, fra riferimenti alla sociologia e alla psicanalisi, esperimenti e workshop di natura puramente creativa. Per capire al meglio questo designer così giovane e ricco di stimoli, è necessario tradurre la comunicazione ermetica che Scheibenbauer nasconde dietro al minimalismo eccentrico dei suoi capi.

Il designer austriaco definisce il suo primo approccio alla moda un riassunto di pratiche come la meditazione o i ritiri spirituali che, se accostati alla creazione di moda, “non possono che portare a vestiti o sketch che rimangono esclusivamente in una forma idealizzata”. Il primo tentativo di rendere reali i propri sforzi arriva con la presa di coscienza che questa moda prettamente impalpabile si possa attuare esclusivamente attraverso due principi fondamentali: il tatto (quindi i tessuti, il loro peso e la loro funzione) e il lavoro in workshop artistici (ovvero il formarsi di una comunità che voglia interpretare il brand vestendo i capi).

Andando ancora più a fondo, il designer applica la teoria in un laboratorio che funziona come esperimento sociale, facendo interagire persone e vestiti: “l’obiettivo è osservare come le persone indossano la moda, come riescono a interpretarla diversamente l’uno dall’altro, andando a sottolineare la propria identità”. Dalle forme astratte presenti nei primi tentativi di lanciare il suo brand, riesce a costruire un discorso più effettuale, legato principalmente ai sentimenti e alle sensazioni che l’abbigliamento offre al corpo e alla mente di ogni fruitore di moda: “il modo in cui ho voluto avvicinarmi alla moda si traduce in un’attitudine terapeutica grazie all’abbigliamento; è la persona al centro del discorso e non il contrario”. Il tatto, come accennato, è il primo elemento dal quale, secondo Scheibenbauer, è necessario iniziare. Il tessuto diventa protagonista e lo stilista deve tenere conto, oltre alle specificità più tecniche, anche della questione di responsabilità ambientale: nessun tessuto dei suoi capi, afferma, ha origine fuori dall’Europa e il criterio di scelta di ogni materiale è la sostenibilità, che si tratti di tessuti riciclati o a impatto zero.

In secondo luogo interviene, quindi, la community che viene a crearsi: un laboratorio sperimentale ed estetico che Scheibenbauer ha voluto rendere esplicito nel look book dell’ultima collezione autunno inverno 2020 2021, in cui sono stati scelti alcuni amici o partecipanti ai workshop, fotografati davanti alle loro case, sottolineando l’aspetto intimista e discreto, estremamente unico e personale del designer. Scheibenbauer rappresenta una vena abbastanza rara nel fashion design, un odi et amo nei confronti di un’industria che, a livello di responsabilità verso la natura o verso le persone, fa acqua da tutte le parti. “Ho avuto modo di poter entrare in contatto con realtà molto importanti e a ogni scelta stilistica mi domandavo come mai non si utilizzasse il criterio della qualità o della curiosità. I miei lavori nascono per provare a dare una risposta a questa mancanza nel fashion industry” e aggiunge: “il momento di arresto totale che stiamo vivendo in questi giorni mi sta dando modo di osservare ancora di più il nostro settore, per poter capire come agire più tardi, per passare dalla riflessione a un’azione vera e propria”. 

news n°
146610
From beautynews
03 Jun 2020

Specialista di monumentali “impacchettamenti”, Christo, la metà maschile dell coppia di artisti contemporanei Christo e Jeanne-Claude, ha girato il mondo alla ricerca di luoghi da rivestire con i suoi teli distintivi. Opere spettacolari che hanno dato vita a eventi irripetibili per più di 50 anni. Vogue rende omaggio a questo grande nome nell'arte contemporanea, scomparso il 31 maggio 2020, ricordando le sue più belle installazioni.

Le immagini delle sue sono tratte dall'account Instagram @christojeanneclaude

Christo, The Floating Piers
Christo, The Floating Piers
Lago d'Iseo
Lago d'Iseo
Christo, The Floating Piers
Lago d'Iseo
Christo, The Floating Piers
Christo, The Floating Piers
Lag d'Iseo
Christo, The Floating Piers
Christo, The Floating Piers
Lago d'Iseo
Christo, Arc de Triomphe
Christo, Arc de Triomphe
Bozzetto per l'opera rimasta irrealizzata sull'Arco di Trionfo a Parigi, prevista per aprile 2020 e poi sospesa a causa della pandemia
Christo, Arc de Triomphe
Christo, Arc de Triomphe
Bozzetto per l'opera rimasta irrealizzata sull'Arco di Trionfo a Parigi, prevista per aprile 2020 e poi sospesa a causa della pandemia
Christo The London Mastaba
The London Mastaba
Londra
The London Mastaba Christo
The London Mastaba
Londra
The London Mastaba Christo
The London Mastaba
Londra
The London Mastaba Christo
The London Mastaba
Londra
Surrounded Island Christo
Surrounded Island
Miami
Pont Neuf Christo
Pont Neuf
Parigi
news n°
146624
From beautynews
news n°
93024
From gossip
27 May 2020
Junior Green International Hairstylist

In this collection Junior uses shape and texture to define each image. Working with both natural and created textures Junior used a wide range of cutting and styling techniques in this inspirational collection.

Ph: Agata Preyss
Make-Up: Neon Velvet
Stylist: J A G Styling

hair-collections

news n°
146607
From beautynews
03 Jun 2020

Una raccolta delle migliori collezioni arcobaleno realizzate dai brand moda in occasione del Pride Month 2020, per celebrare la comunità LGBT+ e supportarla ancor di più in un periodo che ha forzato l'interruzioni di tutte le manifestazioni pubbliche dell'orgoglio rainbow.

DIESEL festeggia il Pride Month 2020 con il corto Francesca, realizzato con la consulenza di Diversity, l'associazione Italiana impegnata nel promuovere l'inclusione sociale. Il film, diretto da François Rousselet, con la modella e attivista Harlow Monroe, racconta una storia di transizione e la voglia di vivere al 100% la propria individualitá che è alla base della filosofia "For Successful Living" di DIESEL. Contemporaneamente con la capsule collection 2020 dedicata al Pride, DIESEL e OTB Foundation supportano la causa di TEP (Trans Employment Program) e TGEU (Transgender Europe).

Scorrete la gallery per scoprire tutti i prodotti arcobaleno per il Pride Month 2020.

Converse
Converse
Converse presenta la collezione Pride 2020, ispirata alla bandiera "More Color, More Pride", che espande i colori dell'arcobaleno fino a includere una striscia marrone e nera, che rappresentano rispettivamente la comunità Latinx e Black LGBTQIA+. Converse By YOU, la piattaforma di personalizzazione dei prodotti del marchio, offrirà stili che possono essere personalizzati per l'espressione individuale. Le nuove opzioni di design personalizzabili si ispirano alle bandiere bisessuali, pan-sessuali, non binarie e transgender.
Eastpak
Eastpak

In occasione del Pride Month 2020, Eastpak collabora con Nicola Adams, il primo pugile femminile membro ispiratore della comunità LGBTQ. Nel 2012 la campionessa è stata nominata la persona LGBTQ più influente in Gran Bretagna dalla rivista The Independent. I classici design di zaino, marsupio e borsa a tracolla Eastpak prendono vita in due colorazioni esplosive: la stampa Rainbow Color tie-dye e la colorazione monocromatica Rainbow Dark con dettagli color arcobaleno. Per il secondo anno una parte dei ricavi della nuova collezione rainbow sarà donata a ILGA, l'associazione internazionale Lesbian, Gay, Bisexual, Trans e Intersex. 

Nike
Nike
La Nike BeTrue Collection 2020 guarda in modo multidimensionale alla rappresentazione LGBTQIA+ e si esprime con tutti i suoi colori sulle silhouette più famose del brand come la AirForce1 e la AirMax2090. Quest'anno Nike sostiene più di 20 organizzazioni che promuovono la comunità LGBTQIA+, con alcune sovvenzioni gestite attraverso la Charities Aid Foundation of America. Le organizzazioni sono realtà locali e nazionali, con un'attenzione particolare al ruolo dello sport, alla creazione di spazi sicuri e alla comunità.
Jimmy Choo
Jimmy Choo
Jimmy Choo presenta un'originale stampa rettile arcobaleno su borse e scarpe della collezione primavera estate 2020
Karen Bengall
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X
Vendita ECommerce Prodotti per parrucchieri | ECommerce | GLOBElife | E TRENA | Tinture per capelli | Piastre per capelli | Articoli per parrucchieri | Spazzole per capelli